Psicologia clinica, Psicologia generale, Psicologia sociale

Adottare un bambino: un’esperienza coraggiosa quanto difficile (2 parte)

Come anticipato nella prima parte il vissuto istituzionale influisce in misura più o meno importante sul bambino adottivo, come pure la frequenza degli spostamenti e gli eventuali maltrattamenti subiti. Non meno rilevante è l’esigenza del bambino di cercare i genitori biologici, spesso nel periodo adolescenziale (sempre per questioni legate all’identità), in caso di morte dei genitori adottivi, per le ragazze in corrispondenza di… Continue reading Adottare un bambino: un’esperienza coraggiosa quanto difficile (2 parte)

Psicologia clinica, Psicologia generale, Psicologia sociale

Adottare un bambino: un’esperienza coraggiosa quanto difficile (1 parte)

"Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti" (G. K. Chesterton) La letteratura in merito al tema delle adozioni, soprattutto quella in lingua italiana, è spesso deficitaria, in quanto nella maggior parte dei casi non tiene in… Continue reading Adottare un bambino: un’esperienza coraggiosa quanto difficile (1 parte)

Psicologia clinica, Psicologia generale, Relazione d'aiuto

L’elaborazione del lutto e del distacco: “finchè morte non ci separi” (2 parte)

L’elaborazione del lutto L’esito positivo del lutto si ha quando la persona riesce a sostenere quello che John Bowlby chiama “tormento emotivo”. Occorre tener presenti tre aspetti che ne caratterizzano il processo di elaborazione. 1- Tempi adeguati: il tempo, da solo, non guarisce il dolore. Una persona depressa, che si chiude in se stessa e tra… Continue reading L’elaborazione del lutto e del distacco: “finchè morte non ci separi” (2 parte)